01


LAVORO

A.    Creazione di una piattaforma «Eboli Lavoro» per favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di competenze specifiche, in particolare per gestire le liste di braccianti agricoli, nel contrasto al caporalato, di giovani ed esperti professionisti nell’ambito dei rapporti di lavoro con l’Ente Comune [1] e di gestione delle cooperative per il social working e il baratto amministrativo (per chi non può pagare multe e tasse comunali).

B.    «Sportello Unico Digitale» per l’accesso a informazioni, procedure, servizi di assistenza, finanziamenti europei, nazionali e regionali e di risoluzione dei problemi delle imprese ebolitane. Lo sportello deve permettere, anche, una interrelazione tra il SUAP (sportello unico per le attività produttive) e i sistemi informativi locali come camera di commercio, centro “informagiovani”, centro per l’impiego, etc. affinché venga facilitato il reperimento delle informazioni necessarie a chi si affaccia al mondo del lavoro.

C.     Creazione di uno spazio co-working e fablab per i giovani laureati e professionisti ebolitani con servizi di asilo nido. Stretta collaborazione tra Comune ed i nuovi spazi co-working per rendere tali strutture accessibili anche a chi, senza sussidi, non sarebbe in grado di avere una postazione lavorativa adeguata.



[1] A supporto dello sviluppo economico e della promozione del proprio territorio, il Comune ,oltretutto, può dettare,con l’adozione di apposite norme statutarie e regolamentari, da un lato le norme-principio della sua azione e, dall’altro disciplinare in via autonoma le attività amministrative e le forme organizzative,in virtù del combinato disposto degli artt. 114, 117 sesto comma, e 118 della Costituzione,nel testo modificato dalla legge costituzionale 3/2001.

Nell’ambito delle politiche attive del lavoro, i Comuni sono autorizzati ad erogare sull’intero territorio regionale – oppure esclusivamente verso le persone residenti o verso le imprese con sedi operative sul proprio territorio (es. Emilia Romagna) – servizi di intermediazione (es. Piemonte), oppure anche di ricerca e selezione del personale, nonché di supporto alla ricollocazione professionale (es. Lombardia, Veneto), attraverso l’iscrizione all’Albo regionale delle agenzie per il lavoro.

E-MAIL

eboli@democratica.org

PHONE

+(39) 392.2949821

SOCIAL